Come aggiornare i driver in Ubuntu

April 13

Come aggiornare i driver in Ubuntu


Con Ubuntu 14.04 e altre distribuzioni Linux, si ha la scelta di utilizzare apertura o driver closed-source per l'hardware che beneficia di software proprietario. Ubuntu si aggiorna automaticamente i driver installati e notifica di aggiornamenti di proprietà, ma è comunque necessario conoscere un po 'della tua hardware per scegliere i migliori piloti. Il kernel Linux include moduli open-source - vale a dire driver - per la maggior parte dell'hardware, e Ubuntu carica questi moduli da un archivio di avvio chiamato initramfs. È possibile blacklist moduli indesiderati o caricare i moduli specifici, aggiornando initramfs.

istruzione

Funzionalità migliorata con driver proprietari

1 Premere il tasto "Super" chiave - anche chiamato il tasto Windows - quindi digitare "Driver aggiuntivi" (senza virgolette) e premere ". Enter" Se i driver proprietari sono disponibili per il sistema, Ubuntu li trova e raccomanda i migliori per l'hardware.

2 Selezionare un driver dall'elenco. Se i driver proprietari sono disponibili per diversi componenti, come le schede wireless, schede video o schede audio, è possibile installare i driver per ogni dispositivo.

3 Fare clic su "Attiva". I download del programma, installa e configura i driver proprietari, ed è necessario riavviare il computer per caricarli. Semplicemente a scollegarsi ed effettuare un nuovo accesso non caricare i nuovi driver.

Aggiornamento moduli installati

4 Aprite Gnome terminale per aggiornare il sistema usando gestore di pacchetti APT. Digitare il seguente comando per sincronizzare la lista dei pacchetti e installare tutti gli aggiornamenti disponibili:

sudo apt-get update && sudo apt-get dist-upgrade

Il comando "dist-upgrade" assicura che APT risolve tutte le dipendenze dei pacchetti durante l'aggiornamento.

5 Inserire "lsmod" al prompt per stampare un elenco dei moduli caricati. Se si stanno aggiornando i driver perché alcuni di loro non funzionano, è necessario provare blacklist quelli inclusi con Ubuntu e di carico gli altri fino a quando l'hardware inizia a lavorare. Questo processo è di solito necessario solo per l'hardware più vecchio da Ubuntu è progettato per funzionare nel modo più indolore possibile con l'hardware più recente.

6 Aprire il file /etc/modprobe.d/blacklist.conf in Gedit utilizzando il seguente comando:

sudo gedit /etc/modprobe.d/blacklist.conf

Aggiungere tutti i moduli che si desidera mettere in blacklist alla fine del file. Ad esempio, in blacklist il modulo wireless WL open-source aggiungendo la seguente riga al file:

wl lista nera

Per scoprire quali moduli è necessario mettere in blacklist, è necessario cercare il sito web di Ubuntu per la componente hardware che si sta cercando di ottenere (link in Risorse) di lavoro.

7 Aprire il file / etc / modules in Gedit per aggiungere i nomi dei moduli che si desidera caricare all'avvio. Posizionare un nome del modulo per riga, come nel seguente esempio:

snd-usb-audio
b43legacy
fusibile

Questo passaggio è necessario solo se Ubuntu non rileva automaticamente l'hardware all'avvio.

8 Aggiornamento initramfs per aggiungere le modifiche all'archivio di avvio. Utilizzare il seguente comando per aggiornare l'archivio:

update-initramfs sudo -u

Il programma di update-initramfs legge tutti i file in /etc/modprobe.d e tutti i nomi di modulo in / etc / moduli durante la compressione dell'immagine. È necessario riavviare il computer per caricare i moduli.

Consigli e avvertenze

  • Le nuove schede video di solito lavorano abbastanza bene con il Nouveau di default open-source o driver Radeon, ma i driver proprietari Nvidia o AMD aggiungono migliorato supporto 3-D e una migliore gestione complessiva dell'hardware.
  • Installazione di un driver con Driver aggiuntivi disattiva il driver o modulo installato in precedenza, in modo che solo installare il driver etichettato come "Recommended".
  • Se Ubuntu bancarelle durante il download driver proprietari, è necessario rimuovere la fonte CD-ROM dal file sources.list. Aprire /etc/apt/sources.list in un editor di testo e aggiungere un carattere "#" all'inizio delle prime due righe che iniziano con "deb cdrom" per commentare queste righe. Salvare il file e riprovare il download.